Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro uso. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni di essi clicca sul bottone "Per saperne di più".

I minerali sono dei corpi naturali solidi omogenei di genesi inorganica, chimicamente definiti, nella quasi totalità di ordinata disposizione atomica; essi sono componenti elementari della litosfera, cioè della crosta terrestre.
La loro formazione è una condizione essenziale nel processo naturale di consolidamento della terra, questo ci fa si che un corpo possa definirsi minerale; mentre non è un minerale il cloruro di sodio delle saline (sale da cucina), in quanto prodotto artificialmente per evaporazione delle acque marine.
Altro requisito fondamentale è l'omogeneità, infatti un corpo si dice omogeneo quando due porzioni di esso ugualmente orientate, che non siano tanto piccole da raggiungere le dimensioni di un atomo, presentino le stesse proprietà fisiche e chimiche.
La composizione chimica dei minerali è più o meno complessa ma sempre ben definita ed esprimibile con una formula chimica. Infine i minerali possiedono, nella stragrande maggioranza dei casi, un ordine strutturale interno ben definito; si trovano cioè allo stato solido-cristallino e possono assumere forme esterne di poliedri geometrici costituendo così quei corpi denominati cristalli. Solo pochissimi minerali, detti solidi amorfi, sono privi di ordinata disposizione atomica. Una caratteristica macroscopica dei solidi amorfi è la mancanza della sosta termica per far posto ad un punto di rammollimento. Un esempio di solido amorfo è il vetro.
I minerali sino ad ora conosciuti sono circa 3000 ed il loro numero è in costante aumento.